Di una poesia e di un raro tramonto di maggio

Era il 1963 ed Eduardo De Filippo dedicava alla moglie Isabella una bellissima poesia in lingua napoletana. Un testo struggente che mi ha fatto pensare a quanto fragile sia la vita, al dolore della perdita e alla potenza dei sentimenti e del ricordo. E delle parole.

“Sto ccà”.
Sto ccà, Isabè, sto ccà…
Ch’è, nun me vide?
Già, nun me può vedé…
ma stongo ccà.
Sto mmiez’ ‘e libre,
mmiez’ ‘e ccarte antiche,
pe’ dint’ ‘e tteratore d’ ‘o cummò.
Me truove quann’ ‘o sole tras’ ‘e squinge
se mpizz’ ‘e taglio
e appiccia sti ccurnice
ndurate
argiento
grosse e piccerelle
‘e lignammo priggiato –
acero
noce
palissandro
mogano –
pareno fenestielle e fenestelle
aperte ncopp’ ‘o munno…
Me truove quann’ ‘o sole se fa russo
primmo ca se ne scenne aret’ ‘e pprete
ndurann’ ‘e rame ‘e ll’albere
e se mpizza
pe’ mmiez’ ‘e fronne,
pe se fa guardà.
Si no, me può truvà, scurato notte,
rint’ a cucina
p’arrangià caccosa:
na puntella ‘e furmaggio,
na nzalata…
chellu ppoco
ca te supponta ‘o stommeco
e te cucche.
Primmo d’ ‘a luce ‘e ll’alba
po’
me trouve a ttavulino,
c’ ‘a penna mmiez’ ‘ ddete
e ll’uocchie ncielo
pensanno a chello ca t’aggio cuntato
e ca nun aggio scritto
e ca
va trova
si nun è stato buono
ca se songo perduto sti penziere
distratte
e stanche d’essere penzate
che corrono pe’ ll’aria nzieme a me.
E si guarde pe’ ll’aria
po’ succedere
ca si ce stanno ‘e nnuvole
me truove.
‘O viento straccia ‘e nnuvole
e comme vene vene,
e può truva ciert’uoccie
ca te guardeno
sott’ ‘a na fronta larga larga
e luonga
e ddoje fosse scavate…
‘e può truvà.

“Sto qua”
Sto, qua, Isabella, sto qua.
Che c’è? Non mi vedi?
Già, non puoi vedermi,
ma sto qua, sono in mezzo ai libri,
tra le carte antiche,
dentro ai cassetti del comò.
Mi trovi quando il sole entra di sguincio,
s’intrufola di taglio
e fa brillare queste cornici dorate
d’argento
grandi e piccoline
di legno pregiato
acero noce palissandro mogano
sembrano finestrini e finestrelle
aperte sul mondo…
Mi trovi quando il sole si fa rosso
prima che tramonti
dipingendo d’oro i rami degli alberi
e s’infila tra le foglie
per farsi guardare.
Altrimenti mi potrai trovare
quando è notte
in cucina, per cercare qualcosa da mangiare
un pezzetto di formaggio, un’insalata,
quel poco che ti sostiene lo stomaco
e poi te ne vai a letto.
Prima della luce dell’alba poi
mi trovi alla scrivania,
con la penna tra le dita
e gli occhi al cielo,
pensando a ciò che ti ho raccontato
e non ho scritto
e chissà se non sia stato un bene
che questi pensieri si siano persi,
distratti, e stanchi di essere pensati,
che volteggiano nell’aria insieme a me.
E se guardi lassù
può succedere
che se ci sono le nuvole
mi trovi.
Il vento straccia le nuvole
e, così, come viene viene,
puoi trovare certi occhi che ti guardano.
Sotto una fronte larga larga
e lunga
e due solchi lungo il viso…
sì, li puoi trovare.

Che belle le parole e la poesia… sono come una carezza, balsamo che lenisce ferite.

Leggere è la mia via di fuga dalla realtà e scrivere è la terapia grazie alla quale digerisco bocconi amari e indigesti. Rigurgitare pensieri e fissarli da qualche altra parte per strapparmi di dosso lame infilzate nella carne che fanno sanguinare il cuore. Così butto giù parole convulsamente per liberarmi dal dolore che mi accartoccia l’anima e semino pezzi di tristezza su fogli stropicciati nella speranza che si perdano. È il mio modo di reagire alle bruttezze della vita. Scrivere e sparpagliare frasi nel vento.

Il giorno dopo la morte dello zio Ate – mi riesce difficile anche il solo scriverlo- , l’ho passato sulla spiaggia ad aspettarlo.

Così lontana, in uno di quei momenti in cui hai bisogno di essere vicina per condividere e spartirti il dolore con gli altri per renderlo meno penoso, ero su un’isola piccolissima delle Filippine in mezzo all’oceano e sentivo la necessità in qualche modo di avvicinarmi.

Non so dove vadano le persone quando muoiono, ma se siamo natura, fatti di atomi e particelle, quando smettiamo di esistere la nostra energia si disperde nell’aria.

Perciò non avrei trovato lo zio tra i granelli di polvere dei mobili di una camera di albergo, ma lo avrei cercato invece su quella spiaggia.

E così ho fatto.

Ho raccolto i pezzi di cuore frantumato e sono andata ad aspettare il tramonto, lì dove a quell’ora del giorno il mare si ritira e il cielo mostra uno degli spettacoli più belli.

E l’ho trovato.

L’ho trovato nelle sfumature arancioni, rosse e dorate che squarciano il cielo come lame di fuoco; l’ho trovato nel profumo del mare; l’ho trovato nel vento che, come alito leggero, soffia tra i capelli; l’ho trovato nell’aria calda d’estate.

L’ho trovato nella grandezza del creato, nella bellezza della natura.

E quel giorno era lì, lo so che era lì, perché i colori del tramonto erano più abbaglianti, il sole era più grande e luminoso del solito e quasi sorrideva.

 

(Ho scattato questa foto quel pomeriggio di maggio. Un tramonto raro e incredibile.)

10 commenti

  1. Sei un poeta!
    GRAZIE
    Teresa

    1. Grazie mille, mia omonima Teresa!
      Un forte abbraccio

  2. Quanto hai ragione, cara

    1. Grazie! 😊

  3. La profondità di quel tramonto, delle tue parole, e dell’affetto per lo zio.
    Siamo nella natura, esistiamo nel viaggio. Bellissimo il tuo blog!
    Clara

    1. Grazie mille! Un bacio

  4. GUITTI GIUSEPPINA dice: Rispondi

    Teresa mi spiace per quello che hai passato in un momento che avrebbe dovuto essere solo di riposo, svago e piacere…purtroppo la perdita di una persona cara è sempre una esperienza difficile…a maggior ragione quando la distanza impedisce fisicamente un ultimo e straziante saluto a chi non c’è più! Ma tu sei riuscita a superare ogni tipo di distanza e questi bei pensieri ti aiuteranno a superare tutto! Saluti affettuosi da Giusy e Francesco da un post (ops posto!) a te caro…Lefkada!

    1. Ciao Giusy! Ah, Lefkada, che bellezza!
      Ti ringrazio per questo messaggio. Vi auguro una buona permanenza in quel posto splendido. Un forte abbraccio!
      Teresa

  5. quanto é vero❤️,grazie per aver tradotto in parole questi pensieri

    1. Grazie a te per questo messaggio. 😘

Lascia un commento