La moussaka

Sabato pomeriggio di pioggia, di casa e odori di cucina.

Appena tornata da scuola mi sono messa ai fornelli, perché quando piove arriva la nostalgia, quella dolce che appartiene al ricordo. Così ho preparato un piatto che non è italiano, ma è tipico di casa mia e che mia nonna prepara abitualmente: la moussaka (μουσακάς), piatto tradizionale della cucina greca, balcanica e mediorientale, la cui ricetta le è stata insegnata da una sua amica e vicina di casa macedone.

Un piatto buonissimo, delizia della mia infanzia, arricchito dal sapore straniero del nome e che rappresenta uno dei miei “comfort food“, ovvero quel cibo che coccola il palato e il cuore, dal dolce significato affettivo.

Per volere del destino, l’ho poi ritrovato spesso sulla tavola di mia suocera in Croazia e ora lo preparo anch’io, eredità culinaria tramandatami e fil rouge che collega e racconta storie di vita.

La versione originale greca è a base di melanzane, mentre quella yugoslava prevede l’utilizzo di patate.

Qui la nostra ricetta:

Ingredienti:
– 500 g di carne macinata
– 3-4 patate grandi
– mezza cipolla
– pecorino qb
– 2 uova
– mezzo bicchiere di vino rosso
– un bicchiere di latte
– olio, sale e pepe qb

Preparazione:
Soffriggere la cipolla tritata con un po’ d’olio, unire la carne macinata e farla rosolare, aggiungere un po’ di vino e lasciare evaporare. Tagliare le patate a fettine sottili, ungere una pirofila e disporre uno strato di patate crude (mia nonna le frigge, ma io preferisco la versione più leggera). Coprire con uno strato di carne, alternando strati di patate e di carne, per poi finire con uno strato di patate. Sbattere le uova, aggiungere il formaggio grattugiato, il latte, il sale e il pepe e versare il contenuto nella pirofila. Cuocere in forno a circa 180C per circa 45 minuti. Lasciare riposare qualche minuto e servire.

Buon appetito e buon sabato!
(Nella foto la mia moussaka accompagnata da un’insalata di cavolo cappuccio rosso, condito con olio, sale e limone e un buon bicchiere di vino rosso Chianti)

Lascia un commento